RESPIRARE BOLOGNA

Il Blog di Filippo Bortolini

Posts Tagged ‘nucleare’

10° Puntata per ‘Respirare Bologna’: Fukushima un anno dopo, ombre paure e radioattività

Posted by filippobortolini su 29 febbraio 2012

Avevamo seguito con attenzione e trepidazione le notizie provenienti dal Giappone circa un anno fa, poi l’interesse del mondo è calato e i tanti sfollati sono usciti dagli schermi dei media

Cercheremo ad un anno di distanza di raccogliere tutte l e informazioni in rete, frammentate e spesso in giapponese, sulla situazione attuale della centrale nucleare di Fukushima  Daiichi esplosa a seguito di un onda anomala provocata da un maremoto.

Ci sarà anche spazio per le notizie che provengono dalla nostra città e dalla nostra Regione prorio oggi quando l’Europa ammunisce l’Italia per le troppe discariche non a norma, alcune anche nei nostri territori.

ASCOLTA LA PUNTATA

Posted in Post su Economia Verde, Post su inquinamenti, Post sul risparmio energetico | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Unbelievable Comment by Dr. Yamashita

Posted by filippobortolini su 5 luglio 2011

Posted in Post su inquinamenti | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il piano B” L’opzione americana per le centrali italiane

Posted by filippobortolini su 13 aprile 2011

Il Dossier dei Verdi Italiani

Introduzione
Ad un mese dal disastro di Fukushima gli ardori atomici del governo Berlusconi non sono affatto placati.
Nonostante la moratoria di 12 mesi per la costruzione delle centrali italiane l’attività del governo freme. Lo dimostra il fatto che contestualmente alla moratoria è stato approvato il decreto sulla localizzazione delle centrali con le correzioni necessarie dopo la sentenza della Corte costituzionale che bocciava il primo decreto.
La pausa imposta dall’apprensione di Berlusconi rispetto al fatto che il referendum sul nucleare potesse tirare la volata a quello sul legittimo impedimento ha riaperto i giochi nel governo e diversi ministri si scontrano per scegliere la cordata a cui affidare il
business atomico da 30 miliardi.
Ritornano d’attualità gli americani di Westinghouse che già avevano avviato contatti in fase avanzata con membri dell’esecutivo fra cui il ministro degli Esteri
Franco Frattini.
Prima priorità? Far saltare il referendum del 12 e 13 giugno che rappresenterebbe la pietra tombale sui piani atomici del governo e rappresenterebbero una minaccia per il Presidente del Consiglio.

E si comincia a parlare dei mini reattori IRIS…IL PIANO DI “RISERVA” PER L’ATOMO ITALIANO

Il piccolo reattore inserito nel piano nucleare
Distratti dal reattore Epr, dagli accordi ai massimi livelli tra Sarkozy e Berlusconi sul nucleare, ben pochi si sono accorti che all’interno del documento di scenario realizzato nel 2009 dal Politecnico di Milano e dall’Enea per il MSE sono presenti oltre l’Epr di Areva, l’Ap1000 di Westinghouse anche l’Iris, reattore modulare, nel senso che se ne possono affiancare più di uno nello stesso sito su modello Fukushima, da 335 MWe, dal costo di circa un miliardo di euro, secondo gli estensori del rapporto, (tra i quali c’è il Professor Marco Enrico Ricotti, ora anche membro della neonata Agenzia per la sicurezza nucleare). Si tratta di un “nucleare minore” che potrebbe essere appetibile a una moltitudine di soggetti, oltre a Enel ed Eni, e che si “adatterebbe” bene all’orografia del nostro Paese, poiché necessita di reti di trasmissione elettriche di medie dimensioni e di poca acqua per il raffreddamento. In uno degli scenari descritti dal rapporto, i primi due Iris gemelli saranno realizzati a partire dal 2020 per arrivare a installarne nel 2020 ben dieci unità gemelle: in totale venti reattori su 10 siti.

Le dichiarazioni diVeronesi
Il piano di proliferazione del “piccolo” nucleare è passato in sordina di fronte agli annunci e alle pressioni commerciali dei francesi di Areva, fino all’incidente di Fukushima al quale sono seguite, il 19 marzo scorso, alcune dichiarazioni ‘illuminanti’ del Professor Umberto Veronesi, che è a capo dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare: «Molti si domandano se il modello dellecentrali nucleari di grossa taglia, come sono oggi tutte quelle delmondo, sia quello da continuare a realizzare; oppure se non è possibile ed opportuno considerare l’adozione di reattori più piccoli e modulari: una rete di minireattori. Alcuni di questi modelli progettuali sono già in produzione e dovremo studiarne a fondo le caratteristiche e la fattibilità».
Ecco sdoganato Iris. Ma come mai tanta attenzione a questo piccolo reattore?

Il ruolo di Ansaldo nel nucleare
Per capire il coinvolgimento dell’Italia sul “piccolo” nucleare bisogna tornare al febbraio 2009, all’epoca dell’accordo Berlusconi-Sarkozy che apre le porte all’Epr di Areva e taglia le gambe all’Ap1000 di Westinghouse, reattore quest’ultimo che già nel rapporto di scenario 2009 dal Politecnico di Milano e dall’Enea per il MSE, non è inserito come opzione reale e ha un ruolo solo da comparsa nonostante Ansaldo Nucleare (Finmeccanica) abbia un ruolo di primo piano nella sua realizzazione, lavori da anni sulla tecnologia nucleare di Westinghouse e sia ampiamente coinvolta nei quattro reattori
Ap1000 oggi in costruzione in Cina. All’epoca dell’accordo – inspiegabile ai più, poiché si era scelta una tecnologia nucleare inedita e mai realizzata prima senza avere un’Agenzia per la Sicurezza Nucleare che validasse la scelta – Ansaldo criticò aspramente questa scelta.

IL viaggio di Scajola negli Usa
Per rimediare a ciò, anche su pressioni da parte degli Stati Uniti, come ha rivelato Wikileaks, l’allora ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola ha sottoscritto con il ministro per l’energia USA Steven Chu una dichiarazione congiunta «in tema di cooperazione industriale e commerciale nel settore dell’energia nucleare», nella quale si punta a: «favorire sui mercati internazionali di Westinghouse e Ansaldo Nucleare, che già lavorano assieme sulla Cina e a garantire spazio all’Ap1000, con quattro reattori, nel programma nucleare italiano. A suggellare tutto c’è la nomina da parte del Governo di Francesco Mazzucca a Commissario di Sogin, la società che gestisce lo smantellamento delle vecchie centrali nucleari, il quale proviene proprio da Ansaldo Nucleare.

Gli intrecci sul nucleare
Nel frattempo altri appetiti si concentrano sul nucleare. E.On e GdF-Suez costituiscono una seconda cordata, l’altra è Enel-Edf per il nucleare con la benedizione di Gianni Letta, ma alla cordata hanno manifestato interesse Saipem (Eni), Ansaldo Energia (portatrice della tecnologia Westinghouse) e le utility A2A, Hera e Iren, mentre Edison è orientata verso Enel-Edf. Ap 1000 e Iris sono i reattori ideali per questi soggetti che possono così giocare ad avere un ruolo con il nucleare anche a livello locale.

Lo strano accordo
L’otto marzo 2011, tre giorni prima di Fukushima, Westinghouse
annuncia un accordo con Endesa (controllata da Enel) per uno “scambio d’informazioni” in materia di Ap1000 propedeutico alla realizzazione di tali reattori in Spagna e in America Latina. Enel in Italia ha scelto, due anni fa, la tecnologia concorrente francese di Areva (Epr). È un segnale netto circa il fatto che gli interessi Usa in Italia riescono a influenzare anche rapporti già consolidati come quelli tra Enel ed Areva.

L’incontro di Washington
Nel frattempo continuano i giochi sul nucleare. Il ministro degli Esteri Franco Frattini, infatti, ha fortemente voluto un appuntamento organizzato dai ministeri degli Esteri, dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente e dall’Istituto Nazionale per il Commercio Estero, “Global Energy”, negli Stati Uniti, al quale hanno partecipato, tra gli altri, Roberto Adinolfi, CEO di Ansaldo Nucleare; Aris Candris, CEO di Westinghouse Electric Company; Daniel L. Roderick, Senior Vice President di General Electric- Hitachi. Tre gli sponsor dell’appuntamento: Enel, Edison e Finmeccanica.

Legion d’Onore
Un ruolo fondamentale circa la scelta del nucleare francese lo svolge il braccio destro di Scajola ed ex direttore del ministero dello Sviluppo Economico Sergio Garribba che ha spinto con forza sull’opzione francese, ricevendone in cambio l’11 ottobre 2010 la Legion d’Onore francese poiché: «Sergio Garribba, hafortemente contribuito a sviluppare un partenariato strategico “totale e senza limiti” tra Italia e Francia nell’ambito dell’energia nucleare». Un riconoscimento significativo per Garribba che si era visto soffiare al fotofinish la guida dell’Enea per la quale era i pole position.
Wikileaks
L’ambasciata Usa a Roma si allarma quando nel 2008 s’intravedono i primi segnali di ritorno al nucleare perché «vede un’azione di lobby ad alto livello da parte dei leader di Inghilterra, Francia e Russia» e arriva a paventare che «i francesi abbiano una corsia preferenziale» e ancora «l’intensa pressione dei francesi forse comprende tangenti a funzionari del governo italiano».

Il “non ruolo” dell’Agenzia per la Sicurezza nucleare italiana
Che i giochi sul nucleare e sulle tecnologie si facciano in Italia a livello politico è un dato di fatto. Da un lato, infatti, si nomina un oncologo ai vertici dell’Agenzia per la Sicurezza nucleare, mentre dall’altro la legge stessa depotenzia il suo ruolo a quello di comprimario. L’Agenzia, infatti, in tema di tecnologie si affida alla ratifica d’Agenzie di altri Stati con i quali l’Italia ha sviluppato accordi. Usa e Francia, quindi, potranno importare “chiavi in mano” i loro reattori, poiché nel nostro Paese non ci sono autorità veramente indipendenti in grado di valutare i progetti.

Chi è con chi nella cordata nucleare
Con l’uscita di scena di Scajola e del potente Garribba, quindi, l’asse politico del nucleare sembra essersi spostato verso gli Usa. Sicuramente Prestigiacomo, Frattini e Letta sono per questa opzione, Romani è su una posizione d’attesa e anche Berlusconi, viste le frizioni sul piano internazionale con Sarkozy, è diventato abbastanza freddo sull’Epr.

Posted in Note politiche | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Inside report from Fukushima nuclear reactor evacuation zone

Posted by filippobortolini su 7 aprile 2011

Posted in Post su Economia Verde, Post su inquinamenti | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Blob RAI 3 – “Natura morta”

Posted by filippobortolini su 6 aprile 2011

Posted in Senza categoria | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Le reazioni italiane al disastro nucleare giapponese

Posted by filippobortolini su 5 aprile 2011

Posted in Note politiche, Post su Economia Verde | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Nona puntata per “Respirare Bologna”: La tragedia nucleare Giapponese e l’ipocrisia Italiana

Posted by filippobortolini su 23 marzo 2011

Il mondo sta ancora trattenebdo il fiato, ma il disastro nucleare di Fukushima ormai è certo! Nubi radioattive si muovono nell’atmosfera di mezzo mondo, nel distretto giapponese dove è avvenuto il disastro non esiste più acqua potabile e il mare ha livelli di radioattività 130 volte più alti dei limiti di legge.

Il giappone è un paese in ginocchio e ancora una volta l’energia nucleare ci dimostra come questa scelta energetica sia contro l’umanità e a favore solamente di un piccolo gruppo di imprenditori e politici senza scrupoli.

Oggi dalle 19 alle 20 sulle frequenze di RadioCittàFujiko Filippo Bortolini e Filippo Piredda vi terranno compagnia per fare il punto sulla situazione attraverso l’ascolto di contributi audio e i commenti di rilasciati da i tanti ‘anti nucleare’ come Guido Viale e Mario Tozzi.

Stay Tuned 🙂

ASCOLTA LA PUNTATA

 

Posted in Post su Economia Verde | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le manifestazioni ‘No nucleare’ in Emilia-Romagna

Posted by filippobortolini su 21 marzo 2011

Bologna

Caorso (PC)

Ferrara

Posted in Note politiche | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Fermiamo il nucleare

Posted by filippobortolini su 15 marzo 2011

Venticinque anni dopo Chernobyl torna l’angoscia nucleare con la paura diffusa di dover assistere impotenti ad una catastrofe di cui è impossibile oggi determinare i confini e le conseguenze immediate e di più lungo periodo.
Il primo pensiero e tutta la nostra solidarietà va alle popolazioni più esposte, ma quanto sta avvenendo non può non riaprire una discussione sulla scelta del nucleare. La gran parte dei Paesi Occidentali sta infatti riconsiderando le proprie politiche energetiche ed intanto congela i propri programmi nucleari, chiudendo anche gli impianti più a rischio.
Appare invece del tutto irresponsabile l’atteggiamento del nostro Governo che conferma di voler procedere, come se nulla fosse avvenuto, alla realizzazione di centrali nucleari, rilanciando quel programma nucleare contro cui il paese si era già pronunciato con il referendum del 1987. Siamo al totale paradosso: mentre paesi con molte centrali pensano, nonostante gli inevitabili costi, ad una loro chiusura, il paese che potrebbe rinunciare al nucleare senza alcun costo, dovrebbe invece entrarvi contro qualsiasi considerazione sulla sicurezza e sugli stessi costi economici e soprattutto in spregio alla democrazia, visto che entro tre mesi si terrà il referendum sul nucleare. E’ evidente che sulla decisione del governo pesano tutt’altri interessi da quelli dei cittadini, come peraltro si è visto con la recente decisione di mettere in discussione gli incentivi alle fonti rinnovabili.
 
Per tutti questi motivi il i Verdi per la Costituente Ecologista lanciano un appello alla mobilitazione insieme al WWF, Legambiente, Ya Basta, USB Bologna, Associazione Eco e invitano i cittadini, le Associazioni, i Comitati, i Sindacati e i partiti antinuclearisti ad aderire e  partecipare al  sit-in sabato 19 marzo alle ore 11.00 in Piazza Maggiore e invitano a sostenere la campagna “Vota SI contro il nucleare” per il prossimo referendum.
 
Per aderire all’iniziativa: www.verdibologna.it

Posted in Appuntamenti / Agenda, Note politiche | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

‘Turismo’ nucleare a Chernobyl

Posted by filippobortolini su 10 gennaio 2011

Una situazione ancora tragica per Chernobyl, ecco un video molto interessante della CNN.

Buona Visione!

Posted in Post su inquinamenti | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »