RESPIRARE BOLOGNA

Il Blog di Filippo Bortolini

Bologna Night Bus

Posted by filippobortolini su 11 maggio 2009

Bus

(un ringraziamento per le illustrazioni a Pietro Scarnera)

Dopo 3 anni di tentativi, grazie ad un pool di locali che pagheranno di tasca loro (Estragon, Locomotiv, Covo, Sottotetto e Scalo S.Donato) sarà disponibile un autobus notturno che collegherà questi locali al centro storico.
Sarà possibile quindi spostarsi tutta notte da un locale all’altro senza dover utilizzare l’auto, l’iniziativa è limitata a due soli sabati (9 e 16 maggio 2009) e questo ci fa ripiombare nella grigia normalità.
A Bologna infatti è praticamente impossibile assistere ad un avvenimento, uno spettacolo o più semplicemente bere un paio di birre e tornare a casa con i mezzi pubblici, nonostante in questi anni siano state inasprite le leggi contro chi guida in stato di ebrezza.
Già solo per questi semplici motivi è necessario realizzare un servizio di trasporto pubblico notturno più efficente, a pratire dalla zona urbana, ma immaginandolo anche come strumento di collegamento con i comuni litrofi al capoluogo come Casalecchio,San Lazzaro, Castel Maggiore, Granarolo, Castenaso, Zola Predosa e Anzola dell’Emilia.
Non serve un trasporto particolarmente frequente, basterebbe realizzare collegamentei prima di tutto certi con 2-3 corse durante la notte.
Bisogna seguire l’esempio delle altre città europee che per risolvere i problemi di mobilità, ma anche di disagio socilale ( evitando così la ghettizzazione delle periferie e dei centri minori), hanno messo a regime reti di trasporto pubblico full-time (24h/24h).
Fare una scelta chiara verso questa direzione potrebbe creare anche altri benefici per esempio nel campo degli affitti e nel costo delle abitazioni.
Prendiamo ad esempio lo studente “tipo” che cerca una sistemazione all’interno del centro storico o nelle immediate vicinanze, prima di tutto per comodità, ma anche perché non ha reali alternative di scelta, vista la carenza di collegamenti.
E’ innegabile infatti che abitare nel centro storico è molto gradevole, tutto è raggiungibile a piedi o in bicicletta, sia i divertimenti che i luoghi di studio ed è per questo motivo che gli affitti in queste zone rimangono molto alti.

Una rete di collegamento notturna inizierebbe per lo meno a dare una reale alternativa di scelta a tutti gli studenti (a Bologna sono 40.000 quelli domiciliati in città) e potrebbe anche risultare decisivo per risanare il drogatissimo mercato degli affitti bolognesi.

Nella pratica dovranno essere realizzate una serie di vere e proprie line notturne, che percorrano le direttrici delle maggiori linee urbane, mettendo in collegamento tutti i quartieri con il centro storico.
Infine per quanto riguarda i costi di gestioni questi potrebbero essere completamente coperti attraverso una attenta e mirata raccolta pubblicitaria di soggetti interessati a rimpire, internamente ed esternamente, di annunci questi mezzi pibblici notturni.
Si potrebbero utilizzare per esempio navette elettriche o ibride per abbassare i costi di gestione e utilizzare un biglietto speciale (magari a ½  prezzo).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: