RESPIRARE BOLOGNA

Il Blog di Filippo Bortolini

Terza puntata per “Respirare Bologna”: Il cohousing come nuovo metodo di abitare insieme e ancora ‘REB’ la Rete Ecologista Bolognese

Pubblicato da filippobortolini su 26 ottobre 2009

silverspring

(Nella foto l’Eastern Village Cohousinguna una vera green community, localizzata nel cento di Silver Spring, nel Maryland – USA)

Continua il viaggio di ‘Respirare Bologna’ nel mondo dell’ecologia sulle frequenze sostenibili di RadioCittàFujiko. Negli studi di via Giambologna avremo come ospite Roberta Rendina portavoce dell’associazione bolognese E’/co-housing.

Il termine cohousing è utilizzato per definire gli insediamenti abitativi composti da abitazioni private corredate da ampi spazi destinati all’uso comune ed alla condivisione tra i cohousers. Tra i servizi di uso comune vi possono essere ampie cucine, spazi per gli ospiti, laboratori per il fai da te, spazi gioco per i bambini, palestra, piscina, internet-cafè, biblioteca ed altro.

Di solito un progetto di cohousing comprende dalle 20 alle 40 famiglie che convivono come una comunità di vicinato (vicinato elettivo) e gestiscono gli spazi comuni in modo collettivo ottenendo in questo modo risparmi di costi e benefici di natura ecologica.

Il cohousing nacque in Danimarca verso la fine degli anni 60′ da allora vi è stata una progressiva diffusione negli Stati Uniti e nel resto dell’Europa. Il cohousing si impone oggi come strategia di sviluppo sostenibile in grado di dare benefici sul piano sociale ed ecologico; se da un lato, infatti, la condivisione di spazi, attrezzature e risorse agevola la socializzazione e la cooperazione tra gli individui, dall’altro questa pratica, unitamente ad altri “approcci” quali la costituzione di gruppi d’acquisto interni, favoriscono il riparmio energetico e diminuiscono l’impatto ambientale di queste comunità.

Oltre a questo primo argomento parleremo anche di ‘REB’ la rete ecologista bolognese, un network che vuole promuovere a Bologna e dintorni politiche degne di una metropoli europea, per migliorarne l’ambiente e per approdare ad un’agenda di azioni concrete, possibili, realizzabili.

La Rete Ecologista Bolognese con il suo Progetto Locale si propone di promuovere e divulgare la conoscenza e l’affermazione della “questione ambientale” per la sua funzione centrale rispetto alla crisi, non solo ambientale ma anche sociale e finanziaria, indotta dal neoliberismo economico.
Il Progetto Locale è un’alternativa strategica al processo di distruzione del territorio, dell’ambiente, delle culture e alle forme di globalizzazione che sfruttano i territori come strumento economico.
In questa ottica il Progetto locale diventa un progetto sociale e politico per la riconquista di un mondo plurale, fatto di relazioni tra uomo, ambiente e storia, e proprio nella storia di un luogo, di un territorio, riconosce se stesso e acquista forza di contrapposizione contro le forze distruttive delle culture locali.

ASCOLTA LA PUNTATA

About these ads

Una Risposta a “Terza puntata per “Respirare Bologna”: Il cohousing come nuovo metodo di abitare insieme e ancora ‘REB’ la Rete Ecologista Bolognese”

  1. I just could not leave your web site before suggesting that I actually loved the standard info a person provide
    for your guests? Is going to be back continuously in order to check
    out new posts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: